FANDOM


Chalmers Santiago è il quarantaduesimo episodio della Prima stagione de Clarence e il quarantaduesimo episodio in generale.

SinosseModifica

Clarence deve consegnare la posta al suo misterioso vicino, Chalmers Santiago.

TramaModifica

L'episodio inizia con Clarence che guarda la TV a testa in giù, si annoia davvero e cade dal divano, poi Mary entra nella stanza e gli dice di fare alcune faccende, ma Clarence rotola sotto il tavolo perché non le fa, e Mary si chiede se passerà l'intera giornata a non fare niente. Clarence guarda lo schermo televisivo da sotto il tavolo e accetta di fare le faccende. Mary tira fuori una scatola dall'armadio, ed è piena di cose che vuole che Clarence porti al negozio di articoli usati. Mary se ne va, e Clarence comincia a guardare attraverso la scatola. Trova un paio di cose noiose e inquietanti, poi trova una vecchia console per videogiochi chiamata "PLAYTHANG", che attira la sua attenzione, così inserisce la console nella TV, ma quando la accende, la TV mostra un mucchio di colori sullo schermo e fa un terribile rumore forte. Clarence corre intorno al tavolo, coprendosi le orecchie, poi tenta di inserire un gioco, e funziona, caricando un gioco chiamato "La cuspide del drago". Clarence preme "Start", e cerca di capire i comandi del gioco, ma si arrende rapidamente quando il suo personaggio viene intrappolato in una scatola. Subito dopo che Clarence se ne va, il Ciad viene mostrato mentre gioca e cerca di far uscire il personaggio dalla scatola.

Clarence va in cucina per dire a Mary che si è annoiato. Maria decide di lasciarlo fare altre faccende, e gli mostra un po 'di posta sul bancone. Maria gli dice di consegnare la posta al vicino di casa. Clarence legge il retro delle buste e vede che il nome del vicino di casa è "Chalmers Santiago". Clarence si incuriosisce e cerca di aprire una delle lettere, ma Maria gli dice di non farlo perché non è educato a leggere la posta altrui. Fuori, Clarence tiene una delle lettere alla luce del sole e vede che una di esse è una bolletta dell'acqua, poi inizia a camminare dall'altra parte della strada verso la casa. Clarence suona il campanello, ma nessuno risponde, tuttavia, una tenda della finestra si è mossa, così Clarence ha iniziato a chiamare il nome di Chalmers bussando alla finestra, e di nuovo, nessuno ha risposto, così Clarence ha messo la posta sotto la porta e ha iniziato a camminare via. In quel momento, qualcosa afferra le lettere da sotto la porta, che spaventa Clarence, poi corre a casa. Nel soggiorno, Clarence spia la casa di Chalmers Santiago con un binocolo, poi si presenta Mary e si chiede perché gli oggetti che Clarence avrebbe dovuto portare al negozio di risparmio sono sul pavimento. Clarence non presta alcuna attenzione a ciò che Mary ha detto, e parla di come Chalmers ha ordinato una pizza. Mary si arrabbia con Clarence per spionaggio, poi si interessa rapidamente e inizia a spiare anche lei perché non ha mai visto Chalmers prima. Joshua viene mostrato mentre consegna la pizza a casa di Chalmer, e Mary si lamenta che sta bloccando la loro vista e tutto quello che riescono a vedere è un paio di mani, ma rivela che la persona è piuttosto corta. Presto, la porta si chiude e Mary e Clarence rimangono delusi. Poco dopo, Clarence cerca di diventare un fattorino della pizza e consegnare una pizza a Chalmers. Clarence inizia ad usare la pizza per bussare alla porta, poi ascolta i suoni attraverso la porta, e presuppone che Chalmers abbia già un sacco di pizza. Clarence torna a casa e dice a Mary che l'idea della pizza non ha funzionato. Mentre Chad gioca al videogioco, indovina che Chalmers vuole solo stare da solo, e questo è quando Clarence decide che Chalmers ha bisogno di un amico.

Clarence bussa alla porta di Chalmer, e mentre nessuno risponde, la recinzione si apre e Clarence decide di entrare nel cortile di Chalmer. In essa, vecchi oggetti di scarto sono ovunque e la piscina è piena di sporcizia. Clarence entra in casa attraverso la porta sul retro e dice che sembra proprio come la sua casa, ma all'indietro. Quando Clarence guarda all'interno di quella che sarebbe stata la sua "camera da letto all'indietro", si lascia spaventare dalla luce rossa della lampada a lava e da un raccapricciante carillon. Clarence decide di non entrare nella stanza e vede una luce blu in fondo alla sala, così cammina laggiù. Clarence vede un gigantesco televisore e sente qualcuno che mangia, così si nasconde, ma presto decide di entrare comunque nella stanza. Mentre Clarence si avvicina, la sedia di fronte alla TV cade all'indietro, rivelando che si tratta di Belson. Quando Belson finisce di lamentarsi per aver perso la partita, apre gli occhi e vede Clarence. Entrambi urlano, poi Clarence si eccita e indovina che Belson vive con Chalmers, e chiede se Chalmers è il padre di Belson. Belson spiega che Chalmers era solo un ragazzo con cui lavorava suo padre. Clarence si chiede se Belson si sia trasferito perché pensava che Belson vivesse in quel "spettrale castello di Dracula", poi Belson spiega che suo padre ha comprato questa casa pensando che sarebbe stato un buon investimento, ma non è piaciuto a nessuno, così ora lo usa solo come suo "presepe". Clarence è stupito che Belson possa avere l'intera casa per sé e fare quello che vuole, e Belson dice che è abbastanza figo fintanto che si rimane fuori dall'oscurità. Clarence si chiede dov'è l'oscurità, e in quel momento, lascia cadere accidentalmente una fetta di pizza sul pavimento e qualcosa nell'oscurità lo porta via. Clarence si spaventa e menziona il gioco della "cuspide del drago" a cui stava giocando prima, e si chiede se Belson vuole venire a trovarci e giocare con lui. Belson accetta di farlo, ma non appena esce di casa, Belson chiude la porta e rimane in casa. Clarence dice a Belson che lo aspetterà fuori.

Passano ore e ore e ore e Clarence è ancora in piedi nello stesso posto, poi si rende conto che c'è una corda che si estende dal presepe di Belson alla casa di Clarence. Clarence attraversa la strada e scollega il cavo, che spegne il gioco di Belson, facendolo arrabbiare. Nel soggiorno di Clarence, Chad continua a giocare a "Dragon's cuspide", e Clarence guarda. Improvvisamente, il gioco si spegne e Chad va fuori per vedere chi ha collegato il gioco. Si scopre che era solo Belson, e Clarence presume che è venuto a giocare "cuspide del drago" con loro. Belson nasconde la spina dietro la schiena e finge di essere venuto a giocare con loro. Nel soggiorno, Belson gioca "La cuspide del drago" con Ciad e Clarence, quasi fino alla fine del gioco, fino a quando il giro di Belson si presenta, e Belson inizia a lasciare la casa. Clarence vuole che Belson resti a prendere la cuspide del drago, e Belson dice che la cuspide del drago è solo un altro quadrato, poi chiede al Ciad se può ricollegare il suo cavo in modo che il suo cibo non si rovini nel frigorifero, e il Ciad, distratto dal gioco, gli permette di farlo. Belson lascia la casa, e Chad è davvero entusiasta di essere così vicino a battere la "cuspide del drago". Improvvisamente, Belson inserisce un cavo, e fa sì che la TV faccia di nuovo quel terribile rumore, e Clarence, Mary e Chad corrono intorno al tavolo, coprendo le loro orecchie. Belson sale in macchina e dice al suo autista di iniziare a guidare, poi la voce di Mary viene udita dalla casa mentre dice a Chad e Clarence che tutto quello che dovevano fare era scollegare la TV, terminando l'episodio.

PersonaggiModifica

PrincipaliModifica

SecondariModifica

MinoriModifica

NoteModifica

  • E' possibile che la vecchia casa di Belson dall'altra parte della strada fosse originariamente la sua casa dal Pilota.
  • Il cane selvaggio che ha rubato la coperta di Clarence in questo episodio è simile a quello che attraversa la casa di Sumo in Un giocattolo nuovo per Jeff.
  • La bambola Amico è vista di nuovo in questo episodio.

ErroriModifica

  • Quando Clarence prende le cose dalla scatola che Mary gli dà e poi inizia a giocare alla console, non c'erano molti oggetti sul pavimento, ma dopo aver smesso di giocare, ci sono molti più oggetti sul pavimento di prima.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.